Prevenire l’usura del sottocarro [Parte 1]

Sottocarro - 22/04/2021

7 errori da evitare nell’utilizzo della macchina cingolata che accelerano l’usura del sottocarro.

I costi associati al sottocarro rappresentano un'alta percentuale del costo operativo totale della macchina cingolata. L’incidenza sui costi di manutenzione durante la vita totale della macchina può arrivare fino al 50% dei costi totali.

Questo accade perché, durante il suo utilizzo, il sottocarro è sottoposto a sollecitazioni e agenti esterni che con il tempo portano all’usura dei suoi componenti. Un sottocarro poco performante non solo riduce l’efficienza del mezzo, ma rischia di danneggiare altre parti incidendo pesantemente sulla produttività e i costi.            
Come ogni altro componente essenziale, il sottocarro richiede quindi la giusta dose di attenzione e buone pratiche per allungarne la durata, rallentando l’usura e permettendo un risparmio notevole in termini di costi di manutenzione.

Come possiamo definire l’usura e quali sono i principali fattori che la influenzano?

Esistono molte definizioni di questo fenomeno. L’American Society for Testing and Materials (ASTM) definisce l’usura come una perdita meccanica di materiale che avviene a causa del contatto tra due superfici. Generalmente ed in modo esemplificativo possiamo parlare di:

  • Usura adesiva, originata dall’interazione di asperità tra due superfici a contatto con una consistente forza adesiva.
  • Usura abrasiva, che si verifica quando particelle esterne o appartenenti ad una superficie ruvida e dura scivolano su una superficie relativamente morbida.
  • Usura fatica con formazione di crepe e vuoti nelle superfici solide, amplificati dal carico continuativo e variabile.
  • Fretting, causato da uno sfregamento costante e ciclico di piccola ampiezza tra due superfici.
  • Usura erosiva, prodotta da un movimento di scorrimento di particelle o fluidi su superfici a velocità molto elevata.
  • Usura da corrosione e da ossidazione che si verifica come effetto combinato dell’azione chimica e meccanica.

L’usura, nel mondo del sottocarro, è causata principalmente dai primi due tra questi meccanismi, e può essere aggravata da tre fattori principali che, fortunatamente, possiamo gestire e controllare, vale a dire:

In questo articolo analizziamo il primo fattore, ovvero le abitudini scorrette degli operatori nell’uso della macchina in particolar modo legate alla velocità, anche se il carico gioca un ruolo altrettanto importante in tali abitudini. 

7 comuni errori da evitare nell’utilizzo della macchina per ridurre l’usura del sottocarro.

Sul lungo periodo, i componenti del sottocarro nelle macchine con cingoli in acciaio o gomma si usurano. Esistono tuttavia dei modi per limitare questo processo inevitabile, come una corretta gestione quotidiana della macchina e del sottocarro. Migliorare la tecnica operativa permette infatti di evitare le abitudini scorrette che causano guasti, costi supplementari e cali nella produttività. Ecco quali sono i 7 errori più comuni nell’utilizzo delle macchine da correggere per avere un sottocarro più duraturo nel tempo, rallentando il processo di usura, peraltro inevitabile.

Errori tipici che si commettono in relazione a tutte le tipologie di macchine

1. Elevata velocità in avanti e in retromarcia 
 
     



In alcune occasioni può essere utile lavorare ad alta velocità, tuttavia questa abitudine accelera l’usura del sottocarro e delle sue parti, come le maglie, le boccole, i rulli e le ruote folli e motrici.  In genere, lavorare a pieno carico mantenendo una bassa velocità è preferibile rispetto a lavorare a mezzo carico con una velocità più elevata. Anche se non sembra, la prima soluzione permette di portare a termine il lavoro più rapidamente, risparmiando sul carburante e prevenendo l’usura precoce del sottocarro. Può essere rischioso anche lavorare in retromarcia, sia ad alta sia a bassa velocità. In particolare, la retromarcia accelera l’usura delle boccole e della ruota motrice. È quindi consigliabile limitarne l’uso in casi di stretta necessità, solo per tratti brevi e senza mai accelerare troppo.

 

2. Spostamenti non necessari 
  
      


Alcuni operatori tendono a utilizzare il mezzo cingolato anche al di fuori dall’area di lavoro, per esempio durante la pausa pranzo. Questo fa sì che il sottocarro si usuri più rapidamente a scapito della produttività, incidendo anche sul consumo del carburante. Per gli spostamenti non inerenti all’operatività, è infatti buona abitudine utilizzare altri mezzi più appropriati.

3. Sterzate rapide
     


La contro-rotazione di un macchinario provvisto di sottocarro accelera l'usura dei componenti dello stesso generando altresì carichi elevati e non produttivi che aggravano il fenomeno. È bene quindi non utilizzare questa tecnica a meno che le condizioni di lavoro non lo richiedano: di solito, le sterzate rapide non sono mai davvero indispensabili. La soluzione migliore è ruotare la macchina in modo graduale mentre si procede lentamente in avanti o in retromarcia. Le svolte graduali, infatti, sono più facili da eseguire, riducono al minimo gli strappi e l’usura del sottocarro, e limitano i danni generati da possibili cedimenti delle parti coinvolte.

4. Svolta sempre sullo stesso lato


Prima o poi l’usura del mezzo è inevitabile, ma per far sì che sia uniforme bisogna prestare attenzione a come svoltare la macchina. Se si svolta sempre nella stessa direzione, le componenti del sottocarro poste su un lato si usureranno prima di quelle poste sull’altro lato. Per esempio, svoltando più spesso a sinistra, il lato destro finirà per usurarsi prima. Quando possibile, bisogna quindi posizionare la macchina di modo che possa svoltare cambiando direzione di tanto in tanto.

Errori tipici che si commettono in relazione ai dozers

5. Errato utilizzo della lama apripista


Per muovere in modo efficace un dozer a pieno carico, è necessario prestare attenzione alla posizione della lama apripista durante il movimento. Se questa rimane troppo inclinata verso il suolo mantiene la posizione di scavo anche quando non è più necessario. L’errata posizione fa avanzare la macchina con fatica e con un notevole dispendio di energia a fronte di una scarsa efficacia, genera un carico eccessivo e il rischio di danneggiare la lama. A sua volta, il sottocarro è sottoposto a uno slittamento che genera usura non compensata da aumento di produttività e, a lungo andare, rovina i suoi componenti. Il sistema più efficace è invece procedere allo scavo, riempire la lama apripista a pieno carico e poi sollevarla rispetto al suolo di modo che la macchina proceda nel modo più funzionale.

6. Inclinazione errata del ripper


Il fenomeno dello slittamento avviene anche durante il ripping. Quando il ripper comincia a penetrare il terreno, il retro della macchina si solleva creando uno sbilanciamento. Mantenere questa inclinazione è un’abitudine scorretta che va a sforzare i componenti della parte frontale del mezzo, inclusa la porzione anteriore del sottocarro. Una volta penetrato il terreno, bisogna quindi inclinare il ripper nella posizione di lavoro per distribuire il peso in modo uniforme, fare avanzare correttamente la macchina e preservare più a lungo il sottocarro. 
   

Errore tipico che si commette in relazione agli escavatori

7. Avanzare dalla parte della ruota motrice 


Per un corretto avanzamento della macchina, la ruota motrice del sottocarro deve sempre rimanere nella parte posteriore. Bisogna infatti evitare le situazioni in cui si fa avanzare l’escavatore con la cabina girata dalla parte della ruota motrice. Attraverso questa posizione scorretta, benché l’escavatore si muova in avanti, la parte di sottocarro si trova in modalità retromarcia sforzando inutilmente i suoi componenti. È infatti consigliabile limitare il più possibile la durata dei tratti in retromarcia perché tale meccanismo accelera l’usura del sottocarro, obbligando a maggiori costi di manutenzione.

Nella prossima uscita, affronteremo invece nel dettaglio le altre due cause, ovvero il carico e la presenza di materiali abrasivi esterni, che più specificatamente impattano sull’usura del sottocarro. 

Autore del contenuto

CARLO BELLINI ITR Usco
Carlo Bellini
Product Support & Quality Manager – Undercarriage Division Contattami
Scrivi all'autore
loading

Any manufacturers’ names, brand or product names, trademarks, part numbers, symbols, drawings, images, colours and descriptions appearing in this document are for reference purposes only, and it is not implied that any part listed is the product of these manufacturers. All trademarks and registered trademarks mentioned are the property of their respective owners.

Leggi anche
Sottocarro
Danni alla pressa idraulica portatile: come evitarli

L’uso improprio della pressa idraulica portatile durante le fasi di manutenzione dei cingoli, è una ...


Leggi tutto

Sottocarro
Prevenire l’usura del sottocarro [Parte 2]

Come anticipato nel precedente articolo, i costi associati alla manutenzione del sottocarro durante ...


Leggi tutto

Sottocarro
Cingoli in gomma antivibranti

Tra i rischi a cui sono soggetti gli operai di un cantiere, quello correlato alle vibrazioni meccani...


Leggi tutto